Conferenza-online italo-tedesca sul razzismo strutturale

“Intervento nel Webinar internazionale del presidente di ScelgoEuropa, con risposta da parte dei parlamentari europei”

Martedì scorso (14/07/2020) ci siamo riuniti in tanti per parlare di razzismo strutturale in Germania e in Italia. Grazie a tutti voi per aver arricchito la serata con le vostre domande e i vostri spunti.

Il razzismo ci riguarda tutti, individualmente e come società, questo è stato il Leitmotiv della serata. Perché il razzismo va oltre alle azioni e alle parole dei cosiddetti “razzisti”. Il razzismo va compreso come una struttura di discriminazione sistematica, spesso nascosta, ma non perciò meno d’impatto. Il razzismo è un prodotto della storia e una realtà del presente.

Igiaba Scego, Antonella Bundu, Leila El Houssi e Sarah-Lee Heinrich hanno esaminato queste strutture attraverso un misto di prospettive storiche, letterarie, politiche ed economiche e hanno così contribuito a rendere il razzismo strutturale più tangibile e concreto. Hanno dimostrato che il razzismo non è un concetto astratto, ma che è intrinsecamente legato alle pari opportunità nell’istruzione e nella salute, alla produzione economica e agricola, ai diritti dei lavoratori, ai libri di testo, alla storiografia, la politica locale e ai diritti di cittadinanza nazionale. Hanno dimostrato che il razzismo è quotidiano e strutturale allo stesso tempo, necessitando quindi una risposta politica altrettanto sistematica.

Ad oggi il razzismo e le sue strutture sono lungi dall’essere smantellate. Spetta a noi tutti insieme, politica, società, media ed economia, di produrre un vero cambiamento profondo e lungimirante, senza però polarizzare le nostre società.

Per chi si fosse perso la conferenza oppure volesse semplicemente rivederla, ecco i link alle registrazioni:

VERSIONE ITALIANA: https://youtu.be/Upn0rfhKq7U
VERSIONE TEDESCA: https://youtu.be/-xdDqNT7zI0

Grazie a tutti e cari saluti europei,

Sven Giegold, Franziska Brantner e Alexandra Geese

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *